Lampade da parete

Scelta della lampada da parete

Le lampade da parete o applique sono degli ottimi strumenti per l'illuminazione per qualsiasi ambiente, perché sono versatili e ci consentono di illuminare zone d'ombra che altrimenti rimarrebbero al buio. Occorre, però, riflettere bene su dove installarle perché generano una luce più fioca dei lampadari a sospensione, ma più focalizzata verso una zona determinata.

È possibile trovare sul mercato lampade da parete delle forme, dimensioni e stili più disparati: si va dai semplici faretti a soluzioni che si sviluppano in verticale, dalle forme più stilizzate a quelle più moderne, dallo stile classico al moderno, dal rustico all'etnico.

Lampade da parete - Lo Stile

Lampade da parete

Per la scelta della lampada da parete è consigliabile optare per uno stile che si adatti al meglio all'ambiente circostante, non perdendo di vista la zona che si vuole illuminare e il tipo di luce che occorre. Le appliques, ad esempio, sono molto utilizzate per il soggiorno posizionate vicino alla tv e al divano, perché è possibile avere una luce soffusa, evitando l'abbagliamento e i fastidiosi riflessi. Per illuminare un tavolo da pranzo, viceversa, occorrerà una luce molto intensa direzionata sul tavolo che una singola luce da parete non è in grado di assicurare.

Le lampade da parete, infine, possono essere un incredibile complemento di arredo, considerato che ogni singolo applique può fungere da elemento decorativo di un'intera parete alla stregua di un quadro, magari da abbinare ad un lampadario a sospensione con cui spesso viene realizzato in coordinato. Le appliques, tra l'altro, si adattano con facilità anche agli ambienti particolarmente stretti, avendo una forma in linea di massima piatta.

Con riferimento ai materiali e alla struttura della lampada da parete, poi, bisogna aver cura di scegliere appliques schermate che non creino fastidiosi abbagliamenti, magari con dei bracci orientabili, se occorre illuminare diversi punti di un diverso ambiente.

Bisogna, infine, chiedersi se sulla parete dove intendiamo installare l'applique ci sia una presa o un interruttore per alimentarla. Se vi è già, basterà collegare la lampada da parete alla presa, mentre se è assente dovremo fare un piccolo incavo nella parete da coprire con un po' di stucco a fine lavoro e collegare il cavo da una parte all'interruttore e alla rete elettrica e dall'altro all'interno della lampada da parete. Se, invece, non vi è alcuna linea elettrica o ancora non si vogliono effettuare fori ed incavi sui muri, basterà utilizzare una lampada wi-fi o ancora inserire nell'aplique una lampada a led da alimentare a batteria, così da aver una buona resa con il minimo dei consumi.

Torna su